Quanto è importante il sonno profondo?

Il riposo è fondamentale per la rigenerazione del nostro organismo. Non solo è importante dormire un numero sufficiente di ore, ma soprattutto dormire bene! Il segreto per sentirsi riposati e pieni di energia risiede tutto nella qualità del riposo, che dipende a sua volta dal corretto alternarsi delle fasi del sonno. Tra queste, il sonno profondo assume un’importanza primaria. Di cosa si tratta? Te lo spieghiamo in questo articolo.

Perché il sonno profondo è importante per il riposo

Il sonno profondo, conosciuto anche come “sonno a onde lente”, è uno stadio del sonno fondamentale perché strettamente legato ad alcune attività e processi involontari dell’organismo.

È in questo momento che avviene la rigenerazione dei tessuti, il corpo trova ristoro dalle fatiche della giornata, i ricordi si consolidano nella memoria e il battito cardiaco rallenta.

Quando ci addormentiamo non entriamo immediatamente nel sonno profondo, ma passiamo attraverso le diverse fasi del sonno che si alternano tra non-REM e REM.Il sonno profondo subentra nel momento in cui siamo completamente assorti nel nostro riposo, e qualora venissimo svegliati in questo momento, andremmo incontro a una forte sensazione di confusione e disorientamento.

In questa fase del sonno è quindi fondamentale non essere disturbati, e lo è ancora di più quando parliamo di bambini e adolescenti. Questi ultimi, infatti, devono crescere e il loro sviluppo dipende anche dalla secrezione dell’ormone delle crescita che aumenta notevolmente durante il sonno profondo.

Possiamo così riassumere i benefici che il sonno profondo apporta al nostro organismo:

  • Rafforzamento della memoria a lungo termine e delle capacità di apprendimento grazie all’aumento del metabolismo del glucosio;
  • Aumento della secrezione degli ormoni della crescita e dello sviluppo;
  • Ristoro del corpo dalle fatiche della giornata;
  • Aumento dell’afflusso di sangue ai muscoli che consente la crescita e la riparazione dei tessuti e delle ossa;
  • Rigenerazione cellulare e rafforzamento del sistema immunitario.

La mancanza di un sonno profondo di qualità può comportare diversi problemi e pericoli, quali lo sviluppo di condizioni patologiche come malattie del cuore, obesità, ipertensione e diabete.

 

Come favorire il sonno profondo?

Per favorire la qualità del sonno profondo è necessario prestare attenzione ad alcuni comportamenti della vita quotidiana. Ecco alcuni consigli:

  • Adottare uno stile di vita attivo che preveda almeno un’attività sportiva;
  • Ricreare una routine del sonno per rilassarsi e favorire il riposo (un bagno caldo, o la lettura di un libro);
  • Evitare luci troppo intense e/o rumori forti nella camera da letto;
  • Non utilizzare lo smartphone prima di andare dormire, ed evitare di trascorrere troppe ore davanti alla TV;
  • Se non si riesce a prendere sonno è preferibile non rimanere a letto in attesa di dormire; alzarsi e fare qualche attività leggera è la soluzione migliore per conciliare nuovamente il sonno.

Quante ore di sonno profondo sono consigliate

Circa il 75% del nostro riposo è caratterizzato dalla fase non-REM, e soltanto il restante 25% da quella REM. Per quanto riguarda il sonno profondo, invece, esso occupa circa il 13-23% del sonno totale, ma tende gradualmente a diminuire con l’età. Al di sotto dei 30 anni il sonno profondo ottimale dovrebbe aggirarsi intorno a 2 ore, superati i 65 anni, invece, potrebbe drasticamente diminuire fino a 30 minuti, o meno, per notte.

Condividi!

Warning: array_map(): Expected parameter 2 to be an array, int given in /home/customer/www/materassivalsecchi.it/public_html/wp-includes/class-wp-query.php on line 2114

Warning: implode(): Invalid arguments passed in /home/customer/www/materassivalsecchi.it/public_html/wp-includes/class-wp-query.php on line 2114