3 consigli per trovare il miglior materasso per il mal di schiena

miglior materasso per mal di schiena

Un materasso di qualità, perfettamente in linea con le nostre esigenze di riposo, assicura evidenti benefici, regalandoci un profondo sonno rigenerante e, di conseguenza, quella brillantezza necessaria per affrontare la frenesia della quotidianità.

Al contrario, però, se il materasso comincia ad essere usurato, o semplicemente non è adatto, per caratteristiche, a supportare la nostra colonna vertebrale, può trasformarsi in un vero e proprio incubo, non solo perché impedisce di approdare ad un sonno di qualità, ma anche perché incide sulla nostra vita di tutti i giorni lasciando in eredità dolori e fastidi, in particolare alla schiena. Nel caso si verifichi questo, è necessario agire il prima possibile per capovolgere la situazione: il materasso, del resto, è custode sia del nostro riposo che della nostra salute!

Come capire se il mal di schiena è causato dal materasso

Il primo passo per capire se il materasso su cui dormiamo fa davvero al caso nostro è rendersi conto se quel fastidioso mal di schiena che ci tormenta costantemente è causato da lui. Già, perché non sempre un materasso inadatto rovina il sonno: il corpo umano dispone di una notevole adattabilità e si può abituare a dormire anche su supporti in realtà non congeniali per lui. Ma degli strascichi sono inevitabili: il mal di schiena è il primo tra questi.

Come capire però se i dolori in questione derivano proprio dal materasso? Ci sono dei campanelli d’allarme che possono lasciarlo presagire chiaramente:

  1. Età del materasso. Puoi avere anche il materasso più adatto a te, ma con gli anni l’usura si fa sentire, facendo inevitabilmente declinare le sue prestazioni. Quando comincia ad avere più di 8 anni e il mal di schiena è diventato il tuo inseparabile, e indesiderato, compagno di vita, ci sono ottime probabilità che il materasso sia da cambiare;
  2. Qualità del materasso. Per acquistare il tuo materasso sei andato a risparmio e il mal di schiena ti tormenta da un po’: il nesso pare piuttosto evidente. Non è necessario spendere cifre esorbitanti, ma un materasso ben progettato, assemblato e rifinito, realizzato con materiali di qualità e che possa aspirare ad avere una certa durata, non può essere pagato sui 200 euro: affinché il mal di schiena diventi solo un brutto ricordo, ci vuole qualcosa di più.

Quali caratteristiche deve avere

In passato, per molti anni, si è imposta come dominante l’idea che un materasso anti mal di schiena avesse delle caratteristiche ben precise, su tutte la rigidità: la convinzione su cui si basava quest’inferenza era che solo un supporto rigido poteva fornire un appoggio solido e stabile alla colonna vertebrale.

La realtà dei fatti ha invece dimostrato che non esistono delle specifiche qualità di cui un materasso deve disporre per non sfociare nei dolori alla schiena, perché la vera discriminante nella sua scelta sono le caratteristiche fisiche e la percezione soggettiva di chi deve acquistare. Il peso corporeo, le posizioni in cui si è abituati a dormire e la tendenza a muoversi durante il sonno sono i principali fattori da analizzare prima di comprare un materasso, che, nella sostanza, va calibrato in base alle esigenze personali: per questo è opportuno conoscere i materiali da cui può essere composto e optare per quello più in linea con le proprie specificità.

Tipologie di materasso tra cui scegliere

Ecco le principali tipologie di materasso tra cui scegliere alla luce delle caratteristiche personali:

  1. Materasso in lattice. Offre un sostegno abbastanza rigido, ma nel contempo risulta molto flessibile. Riuscendo a distribuire in modo uniforme il peso del corpo che accoglie, è ideale per chi si muove molto nel sonno;
  2. Materasso in memory foam. Peculiarità di questo materiale è quella di “avere memoria”: si adatta ai contorni del corpo, che rimangono impressi sulla sua superficie. Assumendo e conservando le forme di chi ci dorme sopra, risulta avvolgente e caloroso: ottima opzione per le corporature più esili e leggere;
  3. Materasso a molle. Il cuore di questo materasso è formato da molle che garantiscono elasticità e solidità. Soluzione comoda e abbastanza rigida, assicura grandi prestazioni anche con le persone più robuste. Nella variante “a molle insacchettate” guadagna in ergonomia, seguendo in maniera più flessibile le linee del corpo.
Condividi!